Presentazione di Franco Zannini

Di un’artista come Rosanna Basilio si può dire anzitutto che rappresenta la forma tipo dell’artista di Venezia. Teorie d’arte assimilate, rivissute e ricomposte in una prassi che è tipica dell’arte veneziana.

Arte quest’ultima che non vuole esibire cultura, vanamente, ma la mantiene nell’intimo mentre esterna una gioiosa forma dell’oggetto creato, quale esso sia. attorniato dai colori, a cui un artista veneziano, più che esibire, allude.

Il colore veneto è allusivo come le distanze lagunari eppur sempre smagliante di vita. Rosanna Basilio ha variegato la sua vita con ricerche nella drapperia di alto stile, nell’arazzo anche con materiali preziosi e metallici (di straordinari effetti sia cromatici che materici).

Ma non basta, ha per anni dato vita a straordinari vasi di vetro policromi o poliformi, quasi direi proteiformi, più volte apparsi in esposizioni.

Ed infine la Rosanna Basilio più ignota: una straordinaria interprete di nudo femminile e nature morte sia in grafica sia in acquerello, come è stato dimostrato nei successi delle recenti esposizioni.

Franco Zannini

Giornalista e critico d’arte

email: basiliorosanna@yahoo.it